lunedì 24 gennaio 2022

DOPO L’OCCIDENTE. LETTERA AL REALISMO TERMINALE

Riflessioni ad un decennio dalla pubblicazione del manifesto

DOPO L’OCCIDENTE. LETTERA AL REALISMO TERMINALE

Dopo l’Occidente non sono pagine che hanno a che fare con la geografia, forse qualcuno non mi lascerà solo nel dubitare della persistenza culturale di questa metà del mondo. Intanto, il RT si è srotolato in varie direzioni oltre che nella poesia. Il balzo maggiore, fuori dai versi, l’ha probabilmente compiuto l’arte visuale, ma il teatro non è rimasto indifferente, così come la musica, specialmente percussiva. La convinzione è che non ci siano settori artistici dove il RT non possa tirare il fiato e dare qualche colpo di ariete: vedremo.

Il tempo passa, anche quando non glielo si chiede e, come in questo caso, mi pare dandomi piuttosto ragione; se fosse una vicenda finanziaria, sarebbero maturati degli interessi. Sto parlando naturalmente, e di cosa se no, del Realismo Terminale. Un decennio trascorso non è poi niente. Il mio libriccino omonimo è stato tradotto per intero negli annali di italianistica, degli Stati Uniti, così in Cina mi ha procurato il primo premio alla carriera destinato a un poeta italiano. Questo sull’asse est-ovest; a nord e sud il RT ha saputo far parlare di sé. Nel frattempo, ancora il tempo, il RT è diventato un Movimento. Qui una parte importante nei rapporti critici soprattutto con le università, è dovuta a Giuseppe Langella, autore in proprio fra quelli della prima ora […]

Guido Oldani, Dopo l’Occidente: lettera al Realismo Terminale, Mursia Milano 2021


Visualizzazioni: 72
Pagine correlate
    IL CIELO DI LARDO
    È una raccolta del 2008, Mursia Editore.
    Probabilmente uno dei più bei titoli o fra i peggiori che si possano incontrare. Personalmente ne sono invaghito e non riesco proprio a staccarmene.
    IL REALISMO TERMINALE, 2010
    Il Manifesto del movimento letterario che mi ha cambiato la vita
    La sua gestazione è stata inaccettabilmente prolungata, credo più che decennale. Ricordo di averne parlato, una delle prime volte, al Festival Mondiale della Poesia di Medellin, Colombia, nel 2009.
    LA GUANCIA SULL’ASFALTO
    2018, Mursia editore
    La guancia sull’asfalto, 2018, rende conto del soggetto poetico scrivente, che oramai si è collocato come indicato dal titolo citato, forse in armonia con la nostra civiltà occidentale e qualcosa di più.
powered by Infonet Srl Piacenza
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +